Ci vorrebbe la Sfinge

8 Nov

Famosissima figura della mitologia greca, la Sfinge, appollaiata su una roccia all’ingresso della città di Tebe, poneva ad ogni passante il più famoso degli indovinelli e divorava chi non sapeva risolverlo.

Come tutti sanno, l’unico in grado di risolverlo fu Edipo.

Questa storia mi è venuta in mente in questi giorni, pensando a cosa si dovrebbe fare per far sì che a governarci non ci fossero, quanto meno, degli imbecilli.

Considero infatti l’imbecillità la più grande tragedia che ci possa capitare.

Sulla tomba di Friedrich von Schiller, per esempio, c’è scritto: Contro gli imbecilli anche gli dei lottano invano.

Inoltre, secondo “I detti islamici di Gesù”, persino lui faticava con gli stupidi: Gli storpi li ho guariti, i ciechi pure. Con gli stupidi non sono riuscito.

Pensavo a come sarebbe bello se, a nostra garanzia, fosse imposto a tutti quelli che vogliono intraprendere l’attività politica, e che per questo motivo potrebbero venirsi a trovare a ricoprire ruoli deputati a prendere decisioni in grado di incidere sulla nostra vita, di sottoporsi preventivamente ad un esame della Sfinge.

Questa dovrebbe sottoporre tutti coloro che intendono occuparsi di politica ad una serie di problemi di logica; di logica, non di fisica, né di economia, matematica, italiano, filosofia, medicina.

Rispondere positivamente a tutte le domande della Sfinge non sarebbe però sufficiente per potersi occupare della “cosa pubblica”.

Infatti, una volta superato l’esame di logica, una volta cioè che si sia verificata la condizione necessaria prevista per potersi occupare di politica, solo allora si passerà alla fase 2: i candidati dovranno dimostrare di essere competenti nella materia sulla quale dovrebbero lavorare, di avere la fedina penale immacolata, di non trovarsi in nessuna situazione di conflitto d’interessi.

La Sfinge eviterebbe così che in futuro possa capitare ancora di essere amministrati da persone che, in presenza di un’allerta meteo di massimo grado, decidono, fuori da ogni logica, di scegliere di lasciare aperte le scuole.

Annunci

Una Risposta to “Ci vorrebbe la Sfinge”

  1. Edoardo Marini (@EdMarini) novembre 15, 2011 a 2:12 am #

    Quindi lei vuole, se non un genocidio, certamente un bagno di sangue. Il nostro Paese, è risaputo, premia troppo spesso i più incapaci e lascia emigrare i più talentuosi e un esame della Sfinge all’attuale classe politica ne lascerebbe in vita ben pochi.

    Quanto al possesso di competenze specifiche da parte di chi prende decisioni destinate a condizionare le nostre vite, il mio Governo ideale (tanto per rimanere sull’attualità stringente) è composto essenzialmente da tecnici. Prima si dovrebbero prendere in esame le personalità dei vari settori, selezionarne una rosa fra i migliori e POI cercare tra i politicamente affini, ma senza escludere il ricorso a tecnici “puri”. Il colore politico e la relativa direzione dell’azione di governo sarebbero poi dati dal Presidente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: