A proposito del sedicente governo dei tecnici

5 Mag

Allo scopo d’individuare, nel mare magnum degli sprechi italiani, le spese da tagliare, il governo dei cosiddetti tecnici ha dovuto far ricorso ad un tecnico.

Ma come, Napolitano affida a dei non politici l’incarico di portare il Paese fuori dai guai nei quali i politici l’hanno cacciato e cosa fa il capo di questa singolare compagnia?

Si affida ad un altro tecnico!

Sembra quasi che se da un lato Napolitano non si sia fidato dei politici Monti non si fidi dei tecnici.

E che cosa accadrà se questo tecnico “al quadrato” dovesse fallire? Si farà ricorso ad un tecnico “al cubo” oppure, continuando con questa ridicola progressione, ci si affiderà ad un extra-terrestre?

A quando un incarico a Batman?

La verità, come sempre semplice e molto spesso amara, è che un conto è imporre sacrifici a milioni di semplici, inermi cittadini, trattati come fossero dei numeri, ben altro discorso è incidere sui tanti privilegi che bloccano, in un gioco perverso di veti incrociati, qualsiasi tentativo di attuare un cambiamento.

Quello che risulta evidente in questo Paese non è tanto l’incapacità d’individuare cosa fare ma l’impossibilità di fare.

Prendiamo ad esempio proprio l’argomento del giorno, questa “spending review”, ridicola espressione usata per indicare quella che in un mondo normale è una semplice analisi della spesa.

Evidentemente Monti ha ritenuto necessario ricorrere ad una persona esterna al sistema (che, si badi bene, non è soltanto quello della politica ma, ancora di più, quello dei tanti mondi parassiti che dalla politica traggono il loro sostentamento) per rendere più efficiente la macchina pubblica italiana.

Ma è proprio l’essere esterno al sistema che non consente (come ho più volte avuto modo di sperimentare direttamente) di apportare quei cambiamenti necessari a migliorare l’efficienza di un’organizzazione.

Come si fa a tagliare le unghie a chi si conosce di persona, a chi s’incontra alle feste, a chi si frequenta abitualmente, a chi appartiene allo stesso clan?

Il problema, per il quale non vedo soluzioni, sta nel fatto che un conto è sapere cosa si dovrebbe fare, un conto è farlo!

Come aveva ben detto Ovidio,Video meliora proboque sed deteriora sequor.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: