Le radici del vero potere della mafia

19 Ago

Ma com’è possibile che in questo Paese si perda così tanto tempo intorno a questa benedetta questione della trattativa Stato-mafia, trattativa che ancora oggi tanti farisei hanno la faccia tosta di definire “presunta”?

Come se non bastasse la devastante ignoranza della gran parte dei cittadini italiani (per i quali la storia del Paese nel quale vivono è qualcosa di assolutamente sconosciuto), bisogna fare i conti anche con i tanti ipocriti, quelli che fanno finta di non sapere, quelli che, pur di non vedere minimamente intaccate le loro convinzioni, le loro posizioni di potere, non hanno alcun pudore nel negare l’evidenza.

Lo Stato italiano, fin dalla sua formazione, ha da sempre trattato con i mafiosi (in alcuni casi gl’interessi delle due controparti erano coincidenti); da sempre istituzioni di questo Paese hanno  fatto ricorso ai servizi di chi comanda in Sicilia, per azioni che lo Stato non poteva fare, con un comportamento che ricorda molto quello dell’Inquisizione, che faceva ricorso al potere civile quando si trattava di eliminare qualcuno.

Quello che caratterizza il potere della mafia, quello che in particolare fa di Cosa Nostra un’organizzazione con la quale lo Stato italiano non è assolutamente in grado di competere, non è tanto l’efficienza della struttura organizzativa, non è nemmeno il capillare controllo del territorio, né la capacità d’infiltrazione nelle istituzioni; quello che rende incredibilmente forte Cosa Nostra è il suo potere punitivo, unito alla paura (fisica), al terrore (fisico), che da questo potere derivano.

Come la storia insegna, le sentenze emesse da Cosa Nostra sono sempre sentenze di morte e certa ne è l’esecutività (per lo Stato italiano invece quella della certezza della pena è da sempre una pura dichiarazione d’intenti).

Bisogna rendersi conto che uno Stato è effettivamente tale se è a lui che viene riconosciuto, da parte dei suoi cittadini, l’uso esclusivo della forza e della giustizia.

Ora, come chiunque sa, in Italia ci troviamo ben lontani da questa condizione, soprattutto in un terzo del Paese, dove il controllo del territorio da parte della criminalità organizzata è pressoché totale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: