La strada migliore è e resta quella della prevenzione

11 Nov

Da mesi il Parlamento italiano è alle prese con la nuova legge elettorale.

Il punto sul quale i parlamentari si sono impantanati è quello del premio da riconoscere a chi otterrà la maggioranza relativa.

L’obiettivo (nemmeno tanto nascosto) che si vuole che la nuova legge elettorale consenta di raggiungere è quello d’impedire che ci sia un chiaro vincitore; esattamente l’opposto di quello che, come abbiamo visto nei giorni scorsi, consentono di raggiungere le elezioni americane.

Sembra di assistere alla preparazione di uno dei tanti concorsi-truffa ai quali siamo abituati in questo Paese (tanto nel settore pubblico che in quello privato), uno di quei concorsi fatti apposta per far risultare vincitore chi si è già deciso lo sia prima ancora del loro svolgimento.

La funzione del concorso viene così completamente trasformata: anziché fissare delle regole per scegliere il migliore, si costruisce un regolamento su misura per chi è già stato designato vincitore.

In questo modo il concorso non serve più, come dovrebbe, ad individuare il migliore ma a rendere formalmente giustificabile una scelta invece fatta a monte.

Anziché continuare con questi tatticismi, anziché discutere, come in un un suk arabo, sull’entità del premio da riconoscere a chi ottiene più voti, mi concentrerei su come impedire che vengano candidati personaggi privi dei requisiti necessari per rappresentare degnamente il Paese.

Penserei inoltre a come limitare il numero degli elettori, negando per esempio il diritto di voto a chi si trovi nelle condizioni previste nell’articolo 48 della nostra Costituzione, nel quale è scritto: “Il diritto di voto non può essere limitato se non per incapacità civile o per effetto di sentenza penale irrevocabile o nei casi di indegnità morale indicati dalla legge”.

Chi volete che voti un pregiudicato, un delinquente abituale, un buon a nulla, se non un suo simile?

Come diceva Cicerone, similes cum similibus facillime congregantur.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: