A proposito della polemica tra Scalfari e Rodotà

22 Apr

Sulla “Repubblica” di oggi compare la risposta di Rodotà all’articolo di ieri di Scalfari, articolo (come al solito lungo e dal tipico tono professorale di Scalfari) che si concludeva con la motivazione che il fondatore di quel giornale dava della scelta di Napolitano quale nuovo Presidente della Repubblica.

La sua scelta Scalfari la motivava dicendo (con il tono sprezzante tipico di un certo mondo “di sinistra”) che non gli era venuto in mente alcun nome da contrapporre a quello di Napolitano, nemmeno quello di Rodotà.

Questa mattina, sul sito del “Fatto Quotidiano”, ho letto la breve intervista rilasciata a questo giornale dall’ex Garante della privacy.

Di questa intervista mi ha colpito la risposta all’ultima domanda.

Alla giornalista che gli chiedeva come mai il Pd non avesse voluto convergere sul suo nome, Rodotà ha risposto con queste parole: “Chissà. Forse avevano già definito una strategia che poi si è rivelata rovinosa: io ero probabilmente in rotta di collisione“.

Evidentemente Rodotà si è venuto a trovare in rotta di collisione con la strategia del PD proprio come nel 1992 capitò a Borsellino con quella adottata dallo Stato italiano nella primavera di quell’anno (e non solo in quei mesi) contro la mafia.

Ritornando alla risposta di Rodotà a Scalfari, in essa emerge nettamente la differenza tra l’ex Garante della privacy e il fondatore di “Repubblica”: da una parte una persona che, pur appartenendo ad una precisa parte politica, mantiene inalterata la sua capacità di ragionare liberamente, da persona indipendente, dall’altra un giornalista che, facendo parte del sistema di potere di questo Paese, preferisce non disturbare il manovratore.

Ricordo l’entusiasmo col quale salutai, nel 1976, la nascita di “Repubblica”, giornale del quale sono stato per tanti anni un affezionato e assiduo lettore (conservo ancora, gelosamente, ritagli di articoli delle sue migliori firme).

Già da tempo però ho rotto i rapporti con quello che per tanti anni ho considerato il mio giornale, a partire da quando ho percepito che la sua linea editoriale ne faceva, di fatto, un banale organo di partito, avvicinandolo così a quello di voce di una parte politica e allontanandolo sempre di più dalla principale funzione della stampa, quella di cane di guardia del potere.

Annunci

Una Risposta to “A proposito della polemica tra Scalfari e Rodotà”

  1. criticamens aprile 22, 2013 a 1:32 pm #

    Mio padre conserva gelosamente il primo numero di “Repubblica”. Da qualche anno ha smesso di leggerlo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: