Si può fare profitto anche riducendo i prezzi

24 Ott

Come è noto, il profitto di un’azienda nasce dalla differenza tra quanto i clienti pagano per i beni/servizi che quell’azienda mette sul mercato (il prezzo di vendita) e quanto quell’azienda spende per “confezionare” quei beni/servizi (il costo di produzione industriale).

Di solito, al fine di aumentare il proprio profitto, un’impresa tende ad allargare questo divario agendo secondo tre modalità: o aumentando il prezzo di vendita (a parità di costo di produzione) o diminuendo il costo di produzione (a parità di prezzo di vendita) , oppure ricorrendo a entrambe queste manovre.

In ogni caso con conseguenze negative per i clienti, che sempre più spesso si trovano nella paradossale situazione di dover pagare di più per avere in cambio meno.

Se nel primo caso le conseguenze negative sono facilmente (e immediatamente) percepibili da chi acquista, perché evidenti, nel secondo lo sono meno (sono “nascoste”, si vedranno col tempo).

Pensiamo, per esempio, alla riduzione dei costi di produzione che deriva da un abbassamento del livello di qualità del bene/servizio.

Questo abbassamento di livello può essere dovuto o ad una riduzione della quantità/qualità delle materie prime utilizzate nella produzione dei beni/servizi o ad una minore quantità/qualità del personale che l’azienda utilizza per produrre quei beni/servizi.

Gli esempi che la vita quotidiana ci offre sono talmente tanti che è impossibile elencarli tutti; basta, per dare un’idea, citarne alcuni: i prezzi dei trasporti pubblici, i prezzi delle assicurazioni, i ticket sanitari, le tariffe dei taxi, i prezzi dell’energia, ecc.

Un dato che, non a caso, non viene mai preso in considerazione, ma sul quale bisognerebbe invece riflettere, è che il legittimo obiettivo di un’azienda di vedere aumentati i propri profitti può benissimo essere raggiunto anche attraverso un’altra strada, poco battuta, che va incontro tanto agli interessi delle aziende quanto a quelli dei clienti: quella di abbassare i costi di produzione attraverso un uso razionale delle risorse effettivamente necessarie.

Percorrere questa strada presuppone però tante di quelle condizioni che, di fatto, in questo Paese, dove gli sprechi rappresentano la prima fonte di spesa, continuerà ad essere impercorribile.

Ne indico solo una: a gestire un’attività dovrebbe essere il più piccolo numero di persone in grado di farlo con efficacia.

Il bello è che l’azienda che riuscisse nell’impresa di ridurre al livello minimo compatibile con un livello accettabile i propri costi di produzione potrebbe vedere aumentati i propri profitti anche riducendo i prezzi!

Annunci

Una Risposta to “Si può fare profitto anche riducendo i prezzi”

  1. Giuseppe Schettino febbraio 2, 2014 a 10:46 pm #

    Ciao, complimenti per il post, è proprio il pezzo che cercavo per scrivere il mio articolo.
    Articolo che si propone di esortare le aziende a calare la propria percentuale di profitto su un bene o servizio per andare incontro ai clienti attuali e potenziali, così da ingaggiare con loro una relazione duratura e di collaborazione reciproca.
    Ovviamente non copierò ma ti citerò con tanto di link di rimando a questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: