Bisognerebbe tornare a leggere le favole antiche

25 Nov

Ricordo come fosse ieri, nonostante che siano passati tanti anni dai tempi del Liceo-Ginnasio “Garibaldi”, i famosi μῦθοι di Esopo e, soprattutto, ricordo la morale che chiudeva quelle favole: ὁ μῦθος δηλοῖ ὃτι (la storia insegna che).

Quelle favole (di solito componimenti brevi) avevano un chiaro fine educativo: il loro scopo infatti non era quello di divertire il lettore ma quello di esprimere una valutazione morale.

I personaggi erano per lo più animali, ma dietro questi si potevano facilmente individuare alcuni dei più tipici comportamenti dell’uomo.

Si utilizzavano storie di animali per insegnare agli esseri umani come comportarsi nella vita di tutti i giorni.

Le favole erano storie fittizie, ma ciò che rappresentavano era vero.

In tempi come quelli attuali, dove gli spunti per scrivere favole per ricavarne insegnamenti di carattere generale sicuramente non mancano, sarebbe molto utile ritornare ad utilizzare quella tecnica (soprattutto nella scuola primaria) per tentare di ricostruire, partendo dalle fondamenta della società, quel senso morale andato ormai disperso.

Solo che in giro non vedo né Esopo né Fedro, ma solo dei (furbi) comici che utilizzano i fatti di cronaca solo per far ridere (e per guadagnare tanti soldi).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: