A proposito dello sciopero dei mezzi pubblici di oggi

19 Mar

Oggi è l’ennesima giornata di sciopero di mezzi pubblici in tutta Italia.

Al di là del fatto che i giornali, con la retorica che non manca mai nei loro titoli, parlino di sciopero di bus e metro (anche se le città italiane dotate di metropolitana si contano sulle dita di una mano), siamo per l’ennesima volta di fronte ad un fatto che in Italia è ormai vissuto come un vero e proprio rito, come l’arrivo delle stagioni, come le ricorrenze religiose.

Ma come si fa a non capire che lo sciopero, così come viene utilizzato, è uno strumento inutile, assolutamente inefficace?

A che serve, se non a finire sulle prime pagine dei giornali?

Come si fa a non capire che si tratta ormai di una inutile liturgia, la cui funzione non va oltre quella di un’affermazione della propria esistenza da parte di alcuni?

Ma, soprattutto, come si fa a non vedere che gli unici effetti concreti che questo strumento produce è un forte disagio per milioni di cittadini, sempre più in balìa di interessi corporativi, privi di effettive tutele?

La domanda che bisognerebbe porsi è: che senso ha continuare a far pagare ai cittadini le inefficienze di amministratori incapaci e clientelari e il mantenimento di interessi/privilegi particolari?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: