Archivio | maggio, 2016

A proposito della data del 23 maggio e di Giovanni Falcone

23 Mag

Dal momento che in questo Paese l’ipocrisia e la retorica non sono mai abbastanza, ecco che il 23 maggio è diventato il giorno della legalità!

E così, dopo essere stato, in vita, oggetto di gelosia e d’invidia, dopo essere stato deriso, attaccato, isolato, umiliato, soprattutto da parte dei suoi colleghi magistrati (con poche eccezioni, una su tutte Ilda Boccassini), Giovanni Falcone, dopo essere stato ammazzato, è stato ormai ridotto, da quel 23 maggio di 24 anni fa, a ostaggio della retorica.

E allora, proprio in questo giorno, proprio in memoria di una persona che ho sempre considerato un esempio, un riferimento nel suo campo (non un santino), voglio dire una cosa molto semplice ai tanti ipocriti di questo Paese, a tutti quelli che parlano di cose che non conoscono, di cose che neanche capiscono: nella storia italiana ci sono magistrati che sono diventati famosi per le loro capacità, per il loro metodo di lavoro (penso innanzitutto a Rocco Chinnici, grazie al quale Giovanni Falcone ha potuto dimostrare le sue qualità) e ce ne sono altri invece che devono la loro popolarità solo a quella dei loro inquisiti.

La differenza tra queste due tipologie di magistrati è notevole, ed evidente.

Si tratta infatti della stessa differenza che passa tra le stelle e i pianeti: le prime brillano di luce propria, i secondi invece brillano solo di luce riflessa.

Una stella produce luce e calore, un pianeta invece viene illuminato e riscaldato dalla stella intorno alla quale gira.

E Giovanni Falcone, così come Rocco Chinnici e Paolo Borsellino, è una stella, una stella che splende e continuerà a splendere per sempre.

Tanti magistrati, per quanto possano fare per attirare su di sé l’attenzione, con certi loro atteggiamenti, con certe loro dichiarazioni, ma soprattutto con il loro modo di parlare, rimangono quello che sono: semplici pianeti.

Ripetere, per esempio, come fanno alcuni di loro, l’espressione menti raffinatissime, usata per la prima volta da Giovanni Falcone un mese dopo il giorno del fallito attentato dell’Addaura (21 giugno 1989), pensando forse in questo modo di essere considerati “simili” a chi l’aveva pronunciata, non solo ne sottolinea la diversa statura ma li rende pure ridicoli.

Ad evidenziare le differenze tra Giovanni Falcone ed altri magistrati bastano due elementi, tra i tanti: la grande differenza nella gestione dei cosiddetti pentiti e l’esito di certi processi.

Da una parte il cosiddetto maxiprocesso (avviato il 10 febbraio 1986) che, grazie al rigore professionale col quale fu istruito da Giovanni Falcone, fu in grado di reggere a tutte le verifiche (fino alla sentenza definitiva pronunciata il 30 gennaio 1992 dalla Corte di Cassazione), dall’altra processi miseramente falliti.

P.S.: ancora oggi, a distanza di tanti anni, si continua a far confusione a proposito del famoso pool antimafia di Palermo. Il suo ideatore fu Rocco Chinnici ed è pertanto a lui che ne va attribuita la paternità e non, come invece si continua a scrivere, ad Antonino Caponnetto. Quest’ultimo, una volta assunta la guida dell’Ufficio Istruzione di Palermo, dopo l’assassinio di Chinnici, ne sviluppò l’idea.

A proposito della vicenda di Pino Maniaci

9 Mag

Quand’è che la si smetterà con questa moda di essere “anti” e si comincerà ad essere “per”, “per” la verità, “per” la giustizia?

In tanti commenti che ho letto in questi giorni a proposito di questa triste vicenda ho visto all’opera, ancora una volta, due abitudini tipiche di molti meridionali(sti): quella di praticare giochi intellettuali privi di rilevanza e quella di cedere al vittimismo.

Che speranze può avere una comunità che da una parte si affida, oggi come ieri, o a delinquenti o a personaggi da operetta, ad autentiche macchiette, e che dall’altra si compiace nel perdersi a spaccare il capello in quattro, e poi in quattro ancora, e così di seguito, all’infinito?

Sventurata la terra che ha bisogno di eroi, ha detto Bertolt Brecht.

Se poi gli “eroi” sono certi personaggi, allora quella terra fa anche ridere.

Alcuni, evidentemente privi della capacità di distinguere, hanno parlato, secondo la solita abitudine di mettere tutto in un unico calderone, dando vita ad una miscela in cui tutto si confonde, di un attacco alla libera informazione.

Ma l’attività della televisione “Telejato” non c’entra nulla con la vicenda che vede coinvolto il suo creatore.

Si tratta, casomai, molto più banalmente, stando agli elementi fin qui emersi, del tentativo di sfruttare l’attività giornalistica e la notorietà acquisita per avere in cambio favori.

La banalizzazione che caratterizza questi anni ha interessato anche la mafia.

Un tempo c’erano delitti di mafia che venivano mascherati da delitti passionali (emblematico a questo proposito il caso Tandoj), oggi si assiste invece al tentativo di usare la mafia per mascherare finalità che con essa nulla hanno a che vedere.

È proprio vero che per tante persone, appartenenti ai più diversi settori di attività, la mafia rappresenta, direttamente e indirettamente, una risorsa.

Per questi individui la mafia, se non ci fosse, bisognerebbe inventarla.

A tutti quelli che si professano “antimafia” andrebbe fatto capire che agire in modo che si stabilisca la verità, e quindi si affermi la giustizia, comporta logicamente essere antimafia.

E che dichiararsi invece “antimafia”, esibendo l’appartenenza a questa variegata “compagnia” come un comodo lasciapassare, come un passe-partout, non significa affatto che, solo per il possesso di questo distintivo, si agisca per stabilire la verità, per affermare la giustizia.

Succede la stessa cosa con la religione: con o senza di essa chi è buono si comporta bene e chi è cattivo fa del male.

Ma è solo con la religione che una persona buona può fare del male.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: