Archivio | ottobre, 2017

A proposito dell’importanza di buoni insegnanti nella vita di un individuo.

24 Ott

Sono anni che non si fa che ripetere che in Italia si legge poco.

Si mostrano grafici, statistiche, indagini, che mostrano un vuoto le cui conseguenze sono sotto gli occhi di tutti.

E però, al di là della singolarità del fatto che i primi a lamentarsi di questo dato siano le case editrici (elemento che dovrebbe far capire che, forse, dietro questa “nobile” preoccupazione si nascondono concreti  interessi economici), quello che dovrebbe preoccupare maggiormente, quello che, secondo me, è il dato più negativo, è il gran numero di quelli che non capiscono ciò che leggono.

A preoccupare davvero dovrebbe essere la mancanza di capacità di comprendere e interpretare in modo corretto il significato di un testo, la mancanza di capacità di valutare e utilizzare in maniera utile le informazioni a disposizione.

Ci si limita a dire che leggere libri è un elemento fondamentale di crescita culturale di una persona, ma non si considera che se questa è (come certamente è) una condizione necessaria, altrettanto certamente non è una condizione sufficiente per raggiungere l’obiettivo.

Una lettura che non modifica il lettore è come acqua che scorre su una lastra di vetro: la bagna ma dopo un po’ quella lastra ritorna com’era prima.

Vedo, in questa mancata percezione della gravità del fatto che la gran parte dei pochi lettori non capisce quel che legge, il manifestarsi di un’abitudine molto diffusa tra gli italiani: quella di non rendere conto di ciò che si fa, del proprio comportamento.

E se non lo si fa con se stessi (che senso ha leggere se non si capisce quello che sta scritto, si tratti di un libro o di un contratto), figurarsi con gli altri.

E non è certamente un caso che la materia in cima alle classifiche di vendita di libri è la narrativa: racconti, storie, fiumi di parole, meglio ancora (per le case editrici) se evocano mondi fantastici, se fanno sognare.

Di capire la realtà che ci circonda neanche se ne parla.

L’altro giorno mi trovavo ad una conferenza nella quale si parlava dell’importanza della lettura, soprattutto nell’età della scuola primaria.

L’uditorio era formato, per la maggioranza, da insegnanti.

Nell’invitare a considerare l’importanza di capire ciò che si legge, di afferrarne il senso, ho invitato a considerare l’importanza d’inserire nei programmi scolastici l’insegnamento della logica, al fine di abituare, fin dalla scuola primaria, a riflettere, a far funzionare il cervello.

Sono rimasto colpito (ma non meravigliato) dalla reazione, soprattutto di quella degli insegnanti.

L’insegnamento della logica è considerato fuori dall’ambito del loro mandato, non fa parte della loro missione, è un concetto che il loro modo di vedere la scuola nemmeno considera (proprio come il “mare d’inverno” di Enrico Ruggeri).

Una scuola che non si rende conto dell’importanza d’insegnare a ragionare è una scuola che non risponde al suo compito primario, quello di formare coscienze critiche.

Non utilizzare il cervello umano nell’età in cui la sua plasticità, la sua predisposizione a ricevere stimoli provenienti dall’ambiente esterno, è massima, lo considero un vero e proprio delitto, fra i più gravi che si possano compiere.

L’infanzia è il momento ideale in cui sviluppare le capacità intuitive e deduttive, in cui insegnare a trovare regole e a saper dedurre da queste conclusioni corrette.

Ma come si può formare se non si è stati formati a questo scopo?

Come ci si può vedere come formatori di persone ragionanti se ci si vede come semplici, banali, impiegati statali?

Annunci

A proposito del discorso di Puigdemont del 10 ottobre 2017

17 Ott

La vicenda catalana va assumendo, di ora in ora, toni surreali.

Sembra sempre di più la sceneggiatura di un film di Luis Buñuel.

La confusione regna sovrana, soprattutto dopo il discorso del 10 ottobre del presidente catalano.

A questo proposito, vale la pena di evidenziare che martedì scorso Puigdemont non ha né proclamato, né dichiarato, ha semplicemente assunto, fatto sua, la volontà espressa dal Parlamento catalano di trasformare la Catalogna in uno Stato indipendente, in forma di repubblica.

Quello che in tanti non capiscono (o fanno finta di non capire) è che nel mondo delle parole ve ne sono di quelle che, per l’ambito nel quale vengono dette e per chi le dice, non producono quello che dicono.

Ed è su questo aspetto che voglio soffermarmi (nel merito, constato che anche la questione catalana viene affrontata senza la necessaria conoscenza della materia e, soprattutto, con l’insopportabile zavorra dell’ideologia).

Perché le parole producano quello che dicono, perché lo facciano vivere, è necessario che ci sia un collegamento temporale tra la pronuncia di quelle parole e il fatto che quelle parole dicono.

Molto spesso esistono le parole ma non esiste il fatto che quelle parole dicono.

E un fatto non esiste per il semplice fatto che venga detto.

Non si tratta di vedere se quello che le parole dicono sia vero, ma se esista, nel momento in cui quelle parole vengono dette.

E perché ciò accada occorre che le parole siano pronunciate nell’ambito di determinate circostanze e da persone dotate della necessaria autorità.

E Puigdemont, anche se il 10 ottobre avesse detto “dichiaro la Catalogna Stato indipendente, in forma di repubblica (parole che non ha detto), avrebbe semplicemente pronunciato quelle parole, ma non avrebbe determinato, dicendole, il concretizzarsi del fatto che quelle parole dicono: Puigdemont, infatti, non può dichiarare l’indipendenza della Catalogna, dal momento che non ha l’autorità per farlo (questa autorità risiede nel Parlamento catalano).

Martedì scorso il presidente catalano ha invece proposto al Parlamento catalano di sospendere gli effetti della dichiarazione d’indipendenza.

E qui si è entrati nel regno dell’assurdo, dal momento che ha proposto di sospendere una cosa che non era stata dichiarata.

E nel mondo dell’assurdo, ragionare è semplicemente impossibile.

A proposito del cosiddetto referendum del primo ottobre 2017 in Catalogna

3 Ott

Il primo ottobre 2017 è stato, e resterà per sempre, un giorno molto triste per la Spagna, forse il più triste della sua storia democratica.

La cosa che mette più tristezza è vedere come l’ideologia del nazionalismo (una parola più negativa dell’altra) abbia messo radici così profonde in Catalogna.

La mobilitazione che c’è in Catalogna è certamente una cosa da non sottovalutare, è una faccenda molto seria.

Ma come si fa, proprio per la serietà dell’argomento (da tanti colpevolmente sottovalutato per troppo tempo), a prendere sul serio il cosiddetto referendum di domenica scorsa (identificato con la sigla 1-o, dove o è la lettera iniziale della parola “octubre” e non la cifra “zero”)?

Domenica scorsa, col modo col quale ha gestito la situazione, Mariano Rajoy è riuscito in un’impresa davvero notevole, che rende bene l’idea della sua inadeguatezza: ha trasformato gli autori di una vera e propria insurrezione contro le leggi dello Stato spagnolo in vittime innocenti del sistema.

Grazie al comportamento di Mariano Rajoy, domenica 1 ottobre 2017 dei fuorilegge sono diventati vittime innocenti del sistema legale che vige in Spagna!

È fuor di dubbio che il comportamento della polizia nazionale spagnola è stato violento (inutilmente violento).

Ma l’aspetto più grave, per la Spagna, è che il governo nazionale non è stato capace di mantenere la sua parola (no habrá consulta, è quanto aveva detto, mostrando sicurezza, o meglio, volendola mostrare, fino a sabato 30 settembre).

Mariano Rajoy ha perso credibilità davanti al mondo, e la cosa incredibile è che l’ha persa pur avendo la legge dalla sua parte, incapace di capire che la legge non è tutto (la ley, pero no solo la ley, ha scritto El País del 2 ottobre).

Il comportamento della polizia nazionale non solo è stato violento, da condannare con risolutezza, ma è stato anche inefficace (non è riuscita ad impedire a tanti catalani di votare).

E questo fatto è ancora più grave (ovviamente, dal punto di vista del governo spagnolo).

E però la violenza non è solo quella fisica.

Violenza è anche voler imporre la volontà di una minoranza, andando per di più contro la legge.

Chi governa Barcellona non rappresenta la maggioranza della società barcellonese, pur avendo, grazie ad un complicato sistema elettorale, la maggioranza dei seggi.

Si parla tanto di democrazia (parola magica come poche), ma il comportamento dei promotori del cosiddetto referendum 1-o (di fatto, una minoranza) è la negazione della democrazia (che tanti, ignoranti, riducono, banalizzandone il significato, all’atto di andare a votare!).

La responsabilità più grave dei promotori del cosiddetto referendum 1-o va però oltre il fatto di aver violato le leggi e sta nell’aver messo in moto un meccanismo che non riusciranno a fermare.

Hanno illuso tanta gente (com’è proprio dei demagoghi, altro che democratici!), facendole credere che l’indipendenza della Catalogna dalla Spagna sia qualcosa dietro l’angolo, solo per quello che è successo il primo ottobre 2017!

Che Mariano Rajoy non sia stato capace di gestire come avrebbe dovuto la questione catalana è un conto, che però avrebbe dovuto accettare le condizioni poste da Puigdemont è un altro.

Ora, dopo che la frittata è stata fatta, tutti parlano di dialogo.

Che si avvii un dialogo serio tra le parti non è affatto sicuro, ma quello che lo è, è che tanto Rajoy quanto Puigdemont non sono assolutamente adatti a dialogare in nome delle due parti.

Rajoy deve fare una sola cosa: dimettersi, per manifesta incapacità.

 

Una nota infine per quelli che si fanno belli parlando di legalità, di Costituzione.

Quando si compie un atto eversivo si deve essere consapevoli che la risposta di uno Stato non può che essere il compimento delle azioni previste in questo caso dalla legge, in applicazione della legge.

Nessuno sta sopra la legge. Nemmeno il Parlamento catalano, nemmeno i partiti separatisti, nemmeno i cittadini che manifestano sventolando bandiere e gridando slogan. Nessuno.

Le leggi, a partire da quella che le contiene tutte (la Costituzione), non basta scriverle, vanno rispettate e fatte rispettare.

Se no, solo solo carta con la quale avvolgere le uova.

Uno Stato esiste nella misura in cui applica le leggi che si è dato liberamente e le fa rispettare.

A tutti, senza sconti per nessuno e senza paura di nessuno.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: