A proposito del referendum costituzionale del 4 dicembre 2016

6 Dic

Davanti al cadavere di Salvatore Giuliano, Tommaso Besozzi, inviato del settimanale “L’Europeo”, pronunziò queste parole: “Di sicuro c’è solo che è morto”.

Oggi, alla luce dell’esito del referendum di domenica scorsa sulla legge che avrebbe dovuto riformare la Costituzione, si può solo dire: di sicuro c’è solo chi ha perso.

E invece non si contano quelli che ritengono di essere i vincitori del 4 dicembre 2016.

Il quadro risulta ancora più confuso se si considera che fra i sedicenti vincitori ce ne sono alcuni che ritengono di essere più vincitori di altri.

Vedere poi che ad intestarsi la vittoria è gente che in realtà conta quanto il due di picche conferma che, come al solito, la situazione italiana è grave ma non seria.

L’ampio margine con cui i NO hanno vinto dimostra, per esempio, l’ininfluenza della minoranza del PD (che in cuor suo sperava sì in una sconfitta del “sì” ma non con questo margine).

A questo proposito, viene ancora una volta confermato che non c’è niente che renda felici certi personaggi della sinistra italiana come la sconfitta di un esponente del loro schieramento.

A rendere le cose ancora più grottesche, ecco gli immancabili aruspici, già all’opera subito dopo l’esito del voto, impegnati a prevedere l’imprevedibile, quando non sono nemmeno in grado di capire cos’è già accaduto.

Ma poi, perché preoccuparsi della situazione venutasi a creare domenica sera?

Non è forse vero che un fine stratega della politica italiana come Massimo D’Alema (quello per il quale la Lega era una costola della sinistra) ha detto che, in caso di vittoria del NO, sarebbero state sufficienti poche ore per formare un nuovo governo e pochi mesi per sfornare una nuova Costituzione?

E allora, di che cosa ci si preoccupa?

Di errori Renzi ne ha certamente commessi parecchi (a cominciare dai criteri adottati per la selezione dei suoi collaboratori), ma quelli più gravi sono senza dubbio due:

1. aver puntato tutto sulla voglia di semplificazione degli italiani, non tenendo conto che si tratta di un popolo che vive sugli azzeccagarbugli;

2. aver cercato di garantire la governabilità, non tenendo conto che l’ingovernabilità non è vista affatto come un problema dagli italiani, anzi, è proprio ciò che vogliono, dal momento che non accettano l’idea stessa di essere governati.

A furia di credere nella tecnologia, Renzi ha finito probabilmente per ritenere “reale” quello che invece è solo virtuale, costruito ad hoc, e per ciò semplice, lineare, ignorando in tal modo com’è fatto in concreto questo Paese, governato dal caos, nel quale la realtà supera la fantasia, nel quale l’incredibile è reale.

Per rendersene conto basta, per esempio, considerare il seguito di fan che un giornalista di destra gode presso la sinistra.

Realtà soggettiva e realtà oggettiva: due realtà molto diverse

22 Nov

Quella di deformare la posizione dell’interlocutore, attribuendo alle sue parole un significato che in realtà queste non hanno e di spostare, così facendo, l’attenzione su qualcos’altro, e su questo costruire una tesi che di conseguenza risulta essere basata sul nulla, è una ben nota tecnica di disinformazione, vecchia come il cucco.

Quasi sempre, alla base di queste costruzioni fantasiose, autentici castelli in aria, c’è un difetto di capacità di ragionamento, peraltro facilmente evidenziabile e quindi smontabile.

Questo difetto fa sì che, a partire da determinate premesse, si traggano da queste deduzioni che con quelle stesse premesse nulla hanno a che vedere.

In alcuni casi c’è anche il dolo (depistaggio e disinformazione sono tecniche ben note, abitualmente usate dalle varie chiese che ci sono in giro).

L’abitudine, anche inconsapevole, d’impostare un discorso basandolo su qualcosa che non è vero (in molti casi quel qualcosa non vero è addirittura proprio ciò di cui l’interlocutore pretende, con quel discorso, di dimostrare la verità) è molto più diffusa di quanto non si creda: la storia italiana è piena di esempi in proposito.

Per una persona razionale non esiste cosa più insensata (e quindi da evitare, sempre) che prendere parte a discussioni basate su presupposti non veri.

A questo riguardo c’è però da considerare che per molte persone esistere nella mente equivale ad esistere nel mondo delle cose concrete.

Non si rendono conto del fatto che molte delle cose alle quali credono esistono solo nella loro mente, nella loro realtà, ma non nella realtà dei fatti: non c’è dubbio che una cosa “pensata” esista (nella mente di chi la pensa) ma è ancora più indubbio che non è affatto detto che, solo per questo motivo, esista effettivamente.

Confondere questi due luoghi, queste due realtà (una soggettiva, l’altra oggettiva) è spesso segno di una mente debole: si vive nella propria “realtà” come se questa fosse vera, comune a tutti gli altri, confondendo in tal modo pensieri e realtà effettiva, fattuale.

La Cappella Palatina di Palermo: un miracolo della Storia

25 Ott

La più bella chiesa del mondo”: così Guy de Maupassant definì la Cappella Palatina quando, nel 1885, visitò Palermo.

Si tratta del luogo più affascinante, più spettacolare, tra quelli toccati dal cosiddetto “itinerario arabo-normanno”, termine utilizzato per indicare alcuni tra i monumenti costruiti in Sicilia nei primi due secoli del secondo millennio.

A proposito dell’espressione “arabo-normanno”, trovo che parlare in questi termini del fenomeno che caratterizzò la Sicilia di quel periodo, limitandolo così a due sole componenti, con la prima per di più identificata con un termine, “arabo”, generico, non consenta di cogliere la particolarità di quella Sicilia: la grande quantità delle culture che in quegli anni vi convissero (la Sicilia del XII secolo era abitata da musulmani, greci, ebrei, latini, tutti con notevole autonomia).

Andrebbe ricordato che non solo in quel periodo in Sicilia erano presenti altre culture (a cominciare da quella greco-bizantina) ma anche che le tecniche utilizzate nella realizzazione della Cappella Palatina erano nate in Paesi del Nord Africa e del Medio Oriente in periodi antecedenti alla caduta di quei territori sotto il potere musulmano.

Nella decorazione della parte interna della cupola, per esempio, operarono artisti che provenivano dall’Egitto, dove quelle tecniche erano giunte tanto tempo prima, dall’Iraq; nella realizzazione del soffitto, per fare un altro esempio, vennero applicate tecniche derivate dall’arte persiana e in seguito sviluppate in Iraq.

Come si può allora ignorare che la contaminazione culturale che caratterizza la Sicilia di quegli anni fu ben più ampia di quella alla quale rimanda l’espressione “arabo-normanno”?

È proprio alla mescolanza di quelle diverse influenze che si deve l’originalità di quei monumenti, nei quali la severità dello stile gotico, portato in Sicilia dagli “uomini del nord”, si sposò felicemente con l’uso dei mosaici, espressione dell’arte bizantina, e con la raffinatezza delle decorazioni a muqarnas, espressione dell’arte islamica (quelle del soffitto ligneo sono un autentico capolavoro, senza pari al mondo).

Ed è proprio questa ricca e fortunata mescolanza di tanti stili, di tante culture, di tanti elementi diversi, l’elemento che non traspare dall’uso dell’espressione “arabo-normanno”.

Perché, a questo proposito, non usare il termine “siciliano” quando ci si riferisce allo stile dei monumenti costruiti in Sicilia, in quella Sicilia?

È del tutto evidente come quel periodo storico, irripetibile, a volte mitizzato, rappresenti solo una breve parentesi nella storia millenaria dell’isola ma è altrettanto evidente come quel “miracolo” sia avvenuto solo in Sicilia.

Ritornando alla Cappella Palatina, credo che ciò che ne fa un unicum assoluto, magico, sia la concentrazione, in uno spazio molto limitato, di un’incredibile ricchezza di decorazioni.

Se si istituisce un confronto con altri monumenti dell’itinerario arabo-normanno si può notare che, a differenza del Duomo di Monreale (dove c’è pari rilevanza tra l’elemento architettonico e quello decorativo) e del Duomo di Cefalù (dove invece l’elemento architettonico predomina), la Cappella Palatina di Palermo si caratterizza, rispetto ai primi due, per una netta predominanza delle decorazioni.

Le composizioni realizzate con le tessere colorate abbagliano come in nessun altro luogo, e non caso.

Ruggero II aveva infatti voluto far le cose in grande (volle “fari fiura”, come si dice a Palermo): la ricchezza delle decorazioni, la grande quantità di oro, utilizzato a profusione, dovevano innanzitutto suscitare stupore, meraviglia, nei visitatori, e mostrare a tutto il mondo il ruolo centrale del suo regno.

Ma la Cappella Palatina di Palermo non è solo una meravigliosa opera d’arte, sarebbe riduttivo limitarsi a considerarla tale: si tratta infatti anche, e forse soprattutto, di uno straordinario simbolo, evocativo come pochi altri al mondo.

Chi la visita si trova infatti davanti a quella che è la più chiara concretizzazione visiva del capolavoro politico di cui furono capaci i re normanni (in particolare Ruggero II): riuscire a fare stare insieme popolazioni differenti, dando vita ad un popolo solo, ad una civiltà sola.

Il regno normanno ebbe la capacità di conservare e di valorizzare ogni traccia delle precedenti civiltà e ancora oggi, a quasi mille anni di distanza, la sua eclettica amministrazione resta un esempio per gli uomini di tutto il mondo di che cosa significhi convivenza (parola che non necessariamente significa mancanza di problemi).

L’iscrizione trilingue posta su una parete poco prima dell’ingresso nella Cappella ricorda ai visitatori che nella Palermo normanna si parlavano tre lingue (il latino, il greco e l’arabo), a conferma del livello culturale che Palermo aveva raggiunto con Ruggero II.

Il dato sul quale bisognerebbe insistere, per sottolineare cos’era Palermo in quegli anni (e per rendersi conto del baratro nel quale è poi precipitata), è che nessun’altra città dell’epoca dava la possibilità d’imparare, in uno stesso luogo, il latino, il greco e l’arabo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

P.S.

Si parla tanto, spesso con eccessiva enfasi, della tolleranza manifestata dai normanni nei confronti delle altre culture allora presenti in Sicilia.

La Sicilia però, per la sua posizione geografica, posta com’è proprio in mezzo a quello che gli ebrei chiamavano il “Grande Mare”, era già stata, ben prima dell’arrivo dei normanni e, prima ancora, di quello degli arabi, teatro di rapporti con altre culture.

Come non tener conto che fu proprio questa antica familiarità siciliana con gli altri ad aver creato le condizioni perché certe abitudini continuassero nel tempo?

Nato e cresciuto in un’isola che è stata sempre naturalmente aperta, predisposta, all’incontro con gli altri, come sono i popoli che viaggiano, un’isola abitata da Fenici, Greci, Romani, Arabi, Normanni, Francesi, Spagnoli, non sono mai riuscito a capire come sia possibile concepire discriminazioni tra esseri umani semplicemente per la loro appartenenza a popoli diversi.

E men che meno per il colore della loro pelle.

Un leader guida il suo popolo, un follower lo segue.

23 Set

La notizia che negli ultimi giorni ha polarizzato l’attenzione dei media italiani è stata senza dubbio quella del rifiuto della città di Roma di organizzare le Olimpiadi del 2024 (oltre, ovviamente, a quella del divorzio tra Angelina Jolie e Brad Pitt…).

Anche se, nel caso del rifiuto romano, si tratta di una non notizia, trattandosi di qualcosa già da tempo annunciato.

Leggendo le principali motivazioni fornite finora in merito al rifiuto si nota che queste sono state di due tipi: da una parte si è detto che in tal modo si è voluto evitare che i soldi che sarebbero arrivati a Roma finissero nelle mani di intrallazzatori e criminali, dall’altra si è detto che si è voluto evitare che la capitale d’Italia vedesse aumentare ancora di più il proprio debito (del quale peraltro nemmeno si conosce l’esatto ammontare).

Accanto a queste motivazioni ufficiali risulta però più che legittimo leggerne anche altre.

Come non leggere, per esempio, dietro quel NO, una fuga dalle proprie responsabilità e, cosa ancora più allarmante, un’ammissione d’incapacità di gestire correttamente un evento complesso?

Non sarebbe stato logico attendersi, da parte di chi ha chiesto a gran voce di essere messo alla prova, di dimostrare in concreto, avendone la possibilità, la propria capacità d’impedire che soldi pubblici finissero nelle tasche di intrallazzatori e di criminali?

Non sarebbe stato logico attendersi un’assunzione di responsabilità in tal senso?

Per quanto riguarda poi la seconda motivazione ufficiale, quella che vede alla base del rifiuto la volontà di evitare un aggravio del bilancio comunale, come non pensare che dietro quel NO agli sprechi ci sia, accanto alla paura di fallire, anche una mancanza di capacità di guardare oltre il breve termine, una mancanza di capacità strategiche?

Il problema è che molti di quelli che oggi vengono impropriamente chiamati leaders sono in realtà dei semplici followers: anziché guidare il loro popolo ne seguono le voglie, mutevoli come queste.

E cosa c’è di più semplice, soprattutto in certi ambienti, che puntare a guadagnare popolarità mostrandosi “contro”, sfruttando in tal modo il consenso di quelli che hanno nell’essere “contro” la loro ragione di vita?

Cosa c’è di più comodo che sfruttare il fatto che essere “contro” viene da molti vissuto come atto di libertà, di ribellione contro le ingiustizie (incuranti del fatto che essere “contro” a prescindere, sempre e comunque, può anche voler dire essere “contro” il buon senso, “contro” la logica)?

Quello che non si capisce è che a guidare certe scelte non può essere solo la contabilità.

Il pensiero “corto”, che, assieme alla mancanza di pensiero critico, al fanatismo (in tutte le forme in cui questo si manifesti), è il vero cancro di questi anni, impedisce di capire che i ritorni di certi investimenti non si misurano solo in termini quantitativi e, soprattutto, che vanno valutati sul medio-lungo periodo.

Se poi si pensa che qualsiasi investimento debba essere valutato solo sulla base di un’analisi costi-benefici, tanto vale allora far gestire tutto ad un ragioniere.

O ad un algoritmo.

Sai quanti soldi si risparmierebbero!

P.S.:

A supporto della bontà della scelta di aver rinunciato, nell’interesse dei romani, ad ospitare a Roma le Olimpiadi del 2024 si è detto che le città che le hanno ospitate in passato si sono enormemente indebitate.

E a proposito di città indebitatesi per aver organizzato le Olimpiadi sono stati fatti diversi esempi.

Tra questi però non credo che aver citato Barcellona giovi alla causa: basta infatti conoscere la capitale della Catalogna, girare per le sue strade, per rendersi conto dell’importanza che quelle Olimpiadi hanno avuto per il rilancio di quella città.

Che fine ha fatto il pensiero critico?

13 Set

Ormai la Storia non è più oggetto di studio, di approfondimento; da qualche anno a questa parte è diventata oggetto di continue revisioni.

Queste revisioni, però, oltre ad essere spesso delle vere e proprie invenzioni, sono caratterizzate dal fatto di essere condotte in gran parte da persone mosse non dal desiderio di conoscere la verità riguardo a fatti del passato ma solo dalla voglia di trovare, nel mare della rete, appigli alle loro convinzioni, al fine di rendere quei fatti così “revisionati” compatibili con il loro obiettivo: quello di una storia al servizio delle loro idee politiche, confondendo sempre più spesso i loro desideri e la realtà.

La strumentalizzazione di libere interpretazioni di fatti storici è ormai prassi.

In psicologia c’è un termine che descrive molto bene questo fenomeno: si tratta del cosiddetto bias di conferma.

Chi è vittima di questo meccanismo mentale, particolarmente potente quando in gioco ci sono temi che toccano convinzioni profondamente radicate nella mente delle persone, tende a indirizzare l’attenzione solo su determinate informazioni (su quelle che confermano le sue pregresse credenze) e ad ignorare quelle che invece le contraddicono.

Essere incapaci di disfarsi delle proprie convinzioni, anche se contraddette dall’esperienza, tendere a ricercare o ad interpretare le prove in modo che siano favorevoli alle proprie convinzioni, sono tutti segni di mancanza di pensiero critico.

Mancanza che trovo largamente diffusa in questi anni, favorita in questo da un uso sempre più massiccio dei social media da parte di persone sprovviste di idonei strumenti culturali.

Questi improvvisati “esperti” di Storia confondono una veloce navigazione in rete con quella che è una seria, approfondita, ricerca, che, com’è noto, dipende dalle fonti che si utilizzano (verso le fonti è bene esercitare sempre un sano scetticismo), dalla loro vicinanza temporale ai fatti dei quali parlano e, soprattutto, dalla loro affidabilità.

La cosa tragica è che questi “navigatori” nemmeno si rendono conto dell’enorme confusione che fanno.

Quando l’architettura è in grado d’interpretare un ruolo-chiave nel processo di rigenerazione di una città.

21 Ago

Anni fa in Italia si è molto dibattuto a proposito di una battuta di una personalità politica nazionale, secondo la quale “con la cultura non si mangia”.

Come sempre succede nel Paese della chiacchiera, a quelle parole si è risposto con altrettante parole, solo parole, sempre parole.

Mai che queste vengano supportate da fatti, da numeri, per confermare o smentire quanto con esse affermato.

Per rendere evidente quanto quella battuta non corrisponda affatto alla realtà dei fatti basta fare riferimento a quanto accaduto a Bilbao nella fine degli anni ’90 del XX secolo, anni che hanno significato la rivitalizzazione di quella città basca, dopo la crisi industriale che l’aveva duramente colpita.

Quello che nel giro di pochi anni è accaduto in quella città del nord della Spagna è infatti la perfetta concretizzazione di un’idea, quella della cultura come motore economico delle città.

Il 1997, anno dell’inaugurazione del Museo Guggenheim di Bilbao, opera dell’architetto Frank Gehry (in quell’anno fu inaugurato anche il ponte Zubi Zuri, di Santiago Calatrava, forse l’unico ponte al mondo ricoperto da un tappeto, misura resasi necessaria per evitare che chi l’attraversa scivoli sul pavimento di vetro) non rappresenta però soltanto la data dell’inaugurazione di un nuovo museo.

Quello che è da tutti considerato uno dei capolavori mondiali dell’architettura contemporanea rappresenta infatti qualcosa di molto più importante di un contenitore di opere d’arte (anche se in questo caso l’opera d’arte più importante del museo è il museo stesso): sta ad indicare un nuovo modo di concepire una realtà museale.

L’effetto che il Museo Guggenheim ha avuto sulla città di Bilbao (e non solo in quella) non si è fatto sentire solo nel mondo dell’arte: un milione di visitatori l’anno è un dato economico, altro che “con la cultura non si mangia”!

Quello che è successo a Bilbao è ormai entrato nelle scuole di architettura e di urbanistica, nelle quali è noto come l’effetto Guggenheim: l’architettura come elemento-chiave nella nuova economia, a dimostrazione di come opere spettacolari possano agire come fattori rilevanti nei processi di rigenerazione urbana.

A proposito dell’ultimo discorso pubblico di Paolo Borsellino

29 Lug

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Nel quartiere palermitano di Ballarò, proprio a fianco alla Chiesa del Gesù (nota anche come Casa Professa), si trova la Biblioteca Comunale.

Fu qui, esattamente nell’atrio di questa Biblioteca, che Paolo Borsellino tenne il suo ultimo discorso pubblico.

Era la sera del 25 giugno 1992, un mese prima c’era stato l’attentatuni di Capaci, un mese dopo ci sarebbe stata la bomba di via D’Amelio.

Quella sera, nel suo discorso, Paolo Borsellino ricordò più volte che Giovanni Falcone, suo amico prima ancora che suo collega, aveva cominciato a morire nel gennaio 1988 e non, come da molti sostenuto con superficialità, dopo la famosa intervista del Corriere della Sera a Leonardo Sciascia, dal titolo “I professionisti dell’antimafia”.

Come quella sera ricordò Paolo Borsellino, Giovanni Falcone aveva cominciato a morire quando il CSM aveva bocciato la sua candidatura alla guida dell’Ufficio Istruzione del Tribunale di Palermo, preferendogli un altro magistrato.

E quella sera Paolo Borsellino, ricordando quella notizia, disse, in tono amaramente ironico, che quello era stato il regalo che il CSM gli aveva fatto per il suo compleanno.

Per di più in quel gennaio del 1988 ebbe inizio la disgregazione del pool antimafia, la struttura organizzativa ideata all’inizio degli anni ’80 da Rocco Chinnici, un magistrato che sperava, purtroppo invano, in una mobilitazione delle coscienze dei palermitani, dei siciliani.

E a questo riguardo, a 33 anni esatti da quel 29 luglio che vide Palermo diventare come Beirut, va fatta una considerazione.

Troppo spesso, quando si parla di mafia, si commette un grave errore, che considero decisivo: ci si concentra solo sull’aspetto criminale del fenomeno, ignorando, tralasciando (volutamente, per ignoranza o per convenienza), un aspetto centrale: quello del coinvolgimento di larghi strati della società siciliana.

Si guarda sempre e solo alla superficie, a ciò che appare, e lì ci si ferma.

Si dice, per comoda ipocrisia: il fenomeno mafioso riguarda solo una piccola minoranza di siciliani, forse poche migliaia, a fronte di una maggioranza che è vittima innocente.

Mai che si cerchi di vedere cosa c’è sotto la superficie, mai che si cerchi di analizzare la vasta rete di relazioni che caratterizza il fenomeno mafioso.

Non si tratta di collegamenti occasionali, contingenti, ma di relazioni “storiche”, profonde, inestricabili, tra il mondo mafioso propriamente detto e rappresentanti del mondo economico, del mondo imprenditoriale, del mondo delle istituzioni.

Evidentemente si ignora (o si vuole ignorare) che è proprio questa fitta rete di relazioni che ha fatto della mafia qualcosa di molto più potente, e molto più pervasivo, di una semplice organizzazione criminale.

Ma come si fa a voler spiegare un fenomeno storico come quello mafioso in termini esclusivamente criminali?

Perché si evita, accuratamente, di andare a vedere cosa c’è sotto la superficie?

Forse perché andare sotto la superficie significherebbe chiamare in causa larghi strati della società siciliana, forse perché si scoprirebbe che molti di quelli che passano o vengono fatti passare per vittime sono in realtà complici, diretti o indiretti, gente che approfitta del lato violento del fenomeno mafioso per trarre, servendosi di questo, concreti benefici.

Ed è proprio questa mancanza di volontà di andare sotto la superficie che impedisce a quella speranza di Rocco Chinnici di diventare realtà, che fa della mobilitazione delle coscienze della quale parlava quel giudice galantuomo solo un sogno, che frena quei cambiamenti nei comportamenti quotidiani che sono la base di una reale, concreta, manifestazione di quella volontà di contrastare realmente il potere mafioso, volontà che troppo spesso viene invece surrogata con banali, e spesso ridicole, manifestazioni esteriori.

A proposito del Salone del libro di Torino

29 Lug

Nel maggio del 1988 ero presente alla prima edizione del “Salone del libro” di Torino, la manifestazione che ha dato un grosso contributo alla riconversione della prima capitale d’Italia da città-fabbrica a città di servizi.

Quell’edizione si tenne a Torino Esposizioni (dal 1992 il “Salone” si sarebbe poi spostato al Lingotto).

Di quella prima edizione ricordo l’atmosfera di novità che si respirava, il senso di apertura al futuro che c’era dietro quella scommessa fatta dai due organizzatori.

Ma soprattutto ricordo l’intervento di Umberto Eco.

Già allora in Italia ci si lamentava del basso numero di lettori (a maggior ragione quella del “Salone” fu un’idea coraggiosa).

A questo proposito Eco osservò, con quell’ironia che lo ha sempre accompagnato, che il senso di frustrazione che nasceva osservando la posizione che l’Italia occupava nella classifica relativa al numero dei lettori di libri si sarebbe potuto superare se, anziché guardare a chi stava prima di noi, si fosse guardato a chi, in quella classifica, stava sotto (ricordo che Eco citò, quale Paese da prendere come riferimento, il Ghana).

Come non mettere in relazione quell’ironico invito di Eco con quello che è uno dei più grandi difetti di questo Paese, quello di voler costruire paragoni prescindendo dalla storia, dalla cultura, dalle tradizioni, dei Paesi che vengono presi a riferimento?

Paragoni velleitari, impossibili, ma prima ancora ridicoli.

Chi può mai essere rappresentante in una società di mediocri?

4 Lug

Da diversi anni ormai la democrazia sta dimostrando sempre di più il suo carattere illusorio, il suo essere fondamentalmente un ideale, un’idea irrealizzabile.

Un’utopia, qualcosa che non esiste e che quindi non si può realizzare.

Ma, soprattutto, quello che la democrazia sta rivelando di sé è il suo essere incapace di rimediare alle sue degenerazioni.

Emerge quella che è una semplice verità, nota da sempre e nello stesso tempo da sempre ignorata: la democrazia non è uno strumento efficace per tutte le situazioni, in tutti i tempi, sempre e comunque.

Sempre di più ci si sta rendendo conto che quello che promette non sono che sogni, risposte teoriche a bisogni concreti.

In particolare, quello che in questi anni si sta dimostrando illusorio, ingannevole, è il concetto di democrazia rappresentativa.

L’idea cioè che alcune centinaia di individui possano effettivamente rappresentarne milioni si sta rivelando pura immaginazione.

Ma prima di tutto sta dimostrando di essere una cosa priva di senso, una cosa illogica.

Cos’è che in questi anni sta rendendo evidente la finzione, l’illusione, l’inganno, su cui si basa, fin dall’antichità, il concetto di democrazia rappresentativa?

Sicuramente il dilagare della corruzione, l’evidenza degli incredibili privilegi della classe politica, la totale disattenzione dei rappresentanti verso i reali bisogni dei rappresentati.

Ma, soprattutto, a smascherare l’inganno è il fatto che le persone si stanno sempre di più rendendo conto che i loro problemi reali non solo non sono stati risolti da parte dei loro rappresentanti ma anzi, col passare degli anni, sono aumentati, di numero e d’intensità.

In molti, sia in Italia che in altri Paese europei, hanno reagito a questa mancanza di rappresentatività dando vita a nuovi movimenti politici, il cui seguito popolare sembra però nascere più dal bisogno di un cambiamento, comunque, che non da quello di una reale, effettiva, alternativa nel modo d’intendere la “cosa pubblica”.

A questo proposito c’è da dire che però, al di là delle sigle, queste “novità” si sono rivelate delle semplici forme di protesta, una protesta fine a se stessa, capace solo di proporre banali slogan anziché soluzioni concretamente praticabili.

E per di più queste “novità democratiche” hanno manifestato un netto rifiuto di un concetto fondamentale della democrazia, il compromesso.

Ignorando in tal modo che in democrazia, della quale pure parlano, non si può fare a meno del compromesso: è necessario infatti che ciascuno, nell’interesse generale, rinunci a qualcosa.

La democrazia non può essere ridotta, banalizzata, ridicolizzata, ad un segno su una scheda elettorale o ad un clic.

L’inganno sul quale si basa la democrazia rappresentativa è stato svelato anche dalla sua impotenza di fronte ai problemi reali: è davanti agli occhi di tutti l’assoluta inutilità dei cosiddetti rappresentanti.

Il dato che emerge con evidenza, a riprova dei limiti della democrazia rappresentativa, sta per l’appunto nel fatto che in definitiva questi “rappresentanti”, prima ancora che incapaci, incompetenti, sono sostanzialmente inutili.

L’aspetto paradossale è che possono risultare inutili anche se competenti.

È la loro inutilità, prima ancora della loro incompetenza, che dovrebbe preoccupare di più, soprattutto quei cittadini con problemi da risolvere.

A rendere infernale la situazione non è infatti soltanto la presenza di rappresentanti incompetenti ma la combinazione di questa presenza d’incapaci con la foresta inestricabile di norme che rendono impossibilitati ad agire, e quindi inutili, anche eventuali rappresentanti competenti.

Ad essere però prioritaria, in una comunità di persone, è la capacità di risoluzione dei problemi (almeno per quelle persone che non traggono benefici proprio dall’esistenza dei problemi).

Affidarsi, se si vuole che i problemi vengano risolti, a dei “rappresentanti”, pensando che questi, solo in quanto “rappresentanti”, siano in grado di risolverli, è una cosa semplicemente priva di senso, assurda.

Forse che in presenza di un grave problema di salute non si va alla ricerca del medico più competente, più capace, che dà maggiori garanzie di risoluzione del problema?

E cos’è una comunità di persone se non un organismo vivente?

In Italia si vive come all’interno di un’enorme giara, dalla quale è impossibile uscire

2 Lug

La condizione nella quale ormai da tempo si vive in Italia, dove è praticamente impossibile uscire da situazioni che pure, a parole, vengono riconosciute essere assurde, grottesche, ricorda tanto quella descritta da Luigi Pirandello in una delle sue novelle più famose, “La Giara”.

Don Lollò Zirafa aveva imposto all’artigiano Zi’ Dima, al quale si era rivolto per riparare la sua giara che si era rotta, di adottare una tecnica che vedeva l’artigiano costretto a lavorare all’interno del grosso contenitore di terracotta.

Una volta che era risultato chiaro che Zi’ Dima era rimasto bloccato in quella che era diventata una vera e propria trappola, Don Lollò, che pure era stato l’ideatore di quella bella trovata, aveva preteso che il povero artigiano dovesse comunque uscire dalla giara ricucita, senza però romperla.

Cosa ovviamente impossibile.

Il dramma italiano è identico a quello descritto da Luigi Pirandello 110 anni fa: l’impossibilità di uscire da trappole che gli stessi soggetti intrappolati hanno contribuito a creare.

Come nella novella l’artigiano Zi’ Dima resta intrappolato all’interno della giara che egli stesso aveva ricucito, senza rendersi conto di quelle che sarebbero state le conseguenze del suo agire, così i cittadini italiani vivono intrappolati in un’inestricabile foresta cresciuta nel corso degli anni, con loro dirette e/o indirette responsabilità.

La situazione che si è venuta a creare negli anni è assolutamente paradossale, proprio come quella della giara di Pirandello.

Cambia solo la materia della quale è fatta la prigione: in quella si tratta di terracotta, in questa di leggi, norme, regolamenti, procedure, create dai vari parlamenti, vale a dire dalla massima espressione della volontà popolare, nel tentativo di regolamentare qualsiasi attività di un Paese assolutamente ingovernabile.

La sola differenza sta nel fatto che nella realtà manca la soluzione umoristica pensata da Pirandello.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: