Tag Archives: Bibbia

La lingua è l’elemento identificativo di un popolo

13 Mar

In un famoso passo della Bibbia si narra della battaglia fra Galaad e Efraim, due tribù di Israele.

Gli uomini di Galaad controllavano i guadi del fiume Giordano e, per individuare i loro nemici, ed impedire così che lo attraversassero, chiedevano, a chi dichiarava di non essere un Efraimita, di pronunciare la parola ebraica scibbolet.

Gli Efraimiti, incapaci di pronunciare il suono sc, dicevano sibbolet e così venivano scoperti e quindi uccisi.

Nella Bibbia è scritto che in quell’occasione morirono 42.000 uomini di Efraim.

Per la prima volta una differenza fonologica, esemplificata dalla parola ebraica scibbolet (‘ruscello’, ‘spiga di grano’), venne usata per diagnosticare la provenienza geografica.

Nei Paesi di lingua inglese il termine shibboleth è entrato in uso in questo senso, come parola che, per le sue difficoltà di suono, è molto difficile da pronunciare correttamente per chi parla un’altra lingua e che per questo motivo viene utilizzata per riconoscere chi appartiene ad un’altra comunità.

A Palermo, il lunedì di Pasqua del 1282, sul sagrato della chiesa dello Spirito Santo, all’ora della funzione del Vespro, un soldato francese, col pretesto di una perquisizione corporale, mise le mani addosso ad una giovane nobile siciliana, accompagnata dal marito.

In segno di reazione a quell’offesa lo sposo sottrasse la spada al soldato francese e lo uccise, dando così il via alla rivolta passata alla storia come i Vespri siciliani.

Secondo un’antica leggenda, tanto popolare quanto assai poco verosimile, per individuare i francesi che tentavano di camuffarsi fra la popolazione, i siciliani, come i Galaaditi della Bibbia, ricorsero ad uno shibboleth: mostrando dei ceci (cìciri in siciliano), chiedevano di pronunziarne il nome.

I francesi, tradendo la loro nazionalità, pronunciavano scisciri e così, una volta individuati, furono uccisi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: