Tag Archives: costituzione

A proposito delle prime misure adottate da Trump

30 Gen

Tra le reazioni che ci sono state alle prime misure adottate da Trump, quella che trovo più preoccupante è quella (espressa anche da alcuni conduttori di media) secondo la quale non ci si dovrebbe stupire più di tanto di queste misure dal momento che Trump non sta facendo altro che dar seguito a ciò che aveva promesso nel corso della sua campagna elettorale.

Anzi, secondo i sostenitori di questa posizione, questa “coerenza” andrebbe pure considerata un fatto positivo, un motivo di rispetto!

La cosa che trovo preoccupante in una simile posizione è la povertà di pensiero che traspare da queste parole (le parole esprimono sempre un pensiero), la banalità con la quale si affrontano gli argomenti, l’uso distorto che si fa della parola “democrazia”.

La cosa che fa cadere le braccia, tanta è la povertà di pensiero che traspare, è il pensare che la legittimità di una decisione presa da un eletto, quale che essa sia, derivi, semplicemente, dal fatto che questa sia stata preannunciata in campagna elettorale.

Di fronte a tanta povertà di pensiero si resta senza parole: cosa volete che si replichi a persone così povere, così misere?

L’aspetto ridicolo della questione è che a sostenere un simile punto di vista sia gente che non fa che ergersi a paladina della Costituzione.

Ma in fondo, se ci si riflette un po’ su, di cosa meravigliarsi?

Non è forse vero che la gran parte degli adulti di questo Paese non è capace di capire quel che legge (a cominciare dall’articolo 1 della Costituzione)?

La vera opera incompiuta di questo Paese è il Risorgimento, altro che la Salerno-Reggio Calabria!

27 Apr

Ora che si sono concluse le manifestazioni dedicate al 25 aprile, nelle quali l’ipocrisia e la retorica nazionali hanno avuto modo di esprimersi al meglio delle loro possibilità, incuranti del rischio di strumentalizzare, per miseri fini di bottega o, peggio, di banalizzare, quello che è stato un momento eccezionale, straordinario (nel senso pieno del termine, e cioè fuori dalla norma, dalla consuetudine, dall’ordinario) della storia nazionale, ora che le cerimonie sono finite, invito a riflettere sulle seguenti parole di Piero Calamandrei, uno dei padri della Costituzione italiana.

Bisogna fare di tutto perché quella intossicazione vischiosa non ci riafferri: bisogna tenerla d’occhio, imparare a riconoscerla in tutti i suoi travestimenti. In quel ventennio c’è ancora il nostro specchio: uno specchio deformante, che dà a chi vi si guarda un aspetto mostruoso di caricatura. Ma i tratti essenziali sono quelli: non dimentichiamoli. Solo riguardando ogni tanto in quello specchio possiamo accorgerci che la guerra di liberazione, nel profondo delle coscienze, non è ancora terminata.”

Cosa dire, dopo aver (ri)letto queste parole, se non che la cosa più seria che il popolo italiano dovrebbe fare (se davvero volesse onorare il ricordo della guerra di liberazione) è quella di vergognarsi per come ha ridotto questo Paese, per come ha usato la libertà regalatagli da chi lo ha liberato, per come ha tradito lo spirito della resistenza?

Cosa dire, se si ha il coraggio di vedere le condizioni (non solo quelle economiche) nelle quali si trova l’Italia e di confrontare il Paese reale con quello al quale pensavano quelli che hanno scritto la Costituzione, se non che si è di fronte ad un altro progetto incompiuto, proprio come quello dello Stato unitario?

Cosa dire, se non che la Costituzione, quella Costituzione per la quale tanti italiani non hanno esitato a mettere in gioco la propria vita, è ancora, a distanza di tanti anni (è entrata in vigore il primo gennaio 1948), lettera morta?

Cosa dire, se non che lo spirito della resistenza è stato totalmente tradito, proprio come lo fu a suo tempo quello del Risorgimento, primo dei progetti rimasti incompiuti nella Storia dell’Italia unita, che in realtà più disunita non si può?

E chiudo ricordando ancora Piero Calamandrei, con queste sue parole, pronunciate nel gennaio del 1955: “Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì, o giovani, col pensiero, perché lì è nata la nostra Costituzione“.

Ma a cosa serve un filtro che non filtra?

5 Dic

E così ieri siamo stati informati del fatto che i due elementi della vigente legge elettorale sui quali era stato richiesto alla Corte Costituzionale di pronunciarsi in merito alla loro conformità alla nostra Costituzione sono illegittimi.

Si tratta del premio di maggioranza e della mancanza delle preferenze.

Questo significa che le legge con la quale sono stati formati ben tre parlamenti (quelli del 2006, 2008 e 2013) era contraria alla legge fondamentale dello Stato italiano.

Ma in quale altro Paese, se non nella “terra dei cachi”, sarebbe mai stato possibile che l’organo preposto a fare le leggi fosse illegittimo?

E il bello è che hanno pure criticato Olli Rehn, reo di aver osato dichiarare di non fidarsi di questo Paese!

Andando a leggere la nostra Costituzione si vede che, secondo l’art. 91, il Presidente della Repubblica, prima di assumere le sue funzioni, presta giuramento di osservanza della Costituzione.

Ciò significa che egli è il garante della Costituzione.

Ma cosa vuol dire essere garante della Costituzione?

Dovrebbe significare, per esempio, impedire la promulgazione di leggi in contrasto con i suoi principi (non a caso tra i poteri del nostro Presidente della Repubblica c’è quello di rinviare al Parlamento una legge, qualora ritenga che in questa vi siano elementi incostituzionali).

In sostanza, essere garante della Costituzione significa svolgere la funzione di filtro.

Così come un filtro posto a monte di un sistema, a sua protezione, deve impedire che che vadano in circolazione sostanze nocive per quel sistema, allo stesso modo chi svolge la funzione di garante della Costituzione deve impedire che vengano promulgate leggi in contrasto con la nostra legge fondamentale.

Ma se un filtro lascia passare particelle che invece dovrebbe trattenere, a protezione di ciò che sta a valle, che filtro è?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: